Vai direttamente ai contenuti
Provincia di Cosenza Regione Calabria

Home > Avvisi > Il Concordato Preventivo

Il Concordato Preventivo

Il Concordato preventivo

Principi giuridici
E’ un accordo tra un’impresa in crisi e i creditori che, per evitare il fallimento, prevede la chiusura dei debiti attraverso un piano di risanamento. Il concordato, sottoscritto dai creditori, deve essere accettato dal Tribunale mediante decreto di ammissione alla procedura di concordato preventivo.
La normativa di riferimento è il R.D. n.267/1942 - Legge Fallimentare (L.F.), modificato dal D.Lgs. n. 5/2006. Con il decreto di ammissione al concordato viene nominato il giudice delegato e il commissario giudiziale. Il commissario giudiziale, nominato dal Tribunale tra soggetti che ricoprono specifiche qualifiche professionali, riveste la qualità di pubblico ufficiale.
Con il concordato preventivo l’impresa resta proprietaria dei beni e continua ad esercitare la sua attività, sotto il controllo del commissario giudiziale e del giudice delegato.

Ricognizione dei veicoli da inserire nel concordato
Prima di procedere alla notifica del concordato preventivo, il commissario giudiziale deve procedere alla ricognizione dei beni dell’impresa in crisi. Per ciò che riguarda i veicoli mobili registrati, il curatore richiede al Pubblico Registro Automobilistico (PRA) una visura nominativa allo stato attuale per conoscere i veicoli intestati all’impresa, indicandone il codice fiscale/partita iva sul modello di richiesta, allegando in copia la nomina a commissario giudiziale con gli estremi del concordato (o dichiarazione sostitutiva) ed un suo documento di identità in corso di validità.
L’indicazione delle targhe dei veicoli coinvolti nel concordato preventivo è essenziale perchè consente di individuare i veicoli sui quali trascrivere il concordato.

La notifica del concordato preventivo
In base all’art.66 della Legge Fallimentare, per la trascrizione e la notifica del concordato preventivo si applicano le stesse disposizioni in materia di fallimento.
La notifica del concordato preventivo, in conformità a quanto previsto dall’art.88 della L.F., viene eseguita, in una delle forme previste dal codice di procedura civile (art.137 e segg.), dall’Ufficiale Giudiziario o dal Commissario giudiziale:
- Le forme di notifica eseguita dall’Ufficiale Giudiziario:
— consegna diretta;
— raccomandata giudiziaria;
— posta elettronica certificata (PEC).
- Le forme di notifica eseguita direttamente dal Commissario giudiziale:
— raccomandata giudiziaria;
— posta elettronica certificata (PEC).
La notifica tramite PEC, in base alle novità introdotte dall’art.52 del DL n.90/2014, deve riportare firma digitale (art. 22 del Codice dell’Amministrazione Digitale).

L’indirizzo PEC (posta elettronica certificata) del PRA di Cosenza
L’indirizzo di posta elettronica certificata (PEC), da utilizzare per la notifica è il seguente:
ufficioprovincialecosenza@pec.aci.it

Trascrizione del decreto di concordato preventivo

Documentazione
- Decreto di ammissione al concordato preventivo o suo estratto, in copia conforme.
- Elenco delle targhe dei veicoli sui quali trascrivere il concordato, a cura del commissario giudiziale.

Costi
- Il concordato preventivo notificato al PRA via PEC, viene trascritto in esenzione totale su ogni targa indicata dal commissario giudiziale.

- Il concordato preventivo notificato direttamente agli sportelli del PRA, viene trascritto a titolo oneroso.

Cancellazione del concordato preventivo

Completata l’esecuzione del concordato, il giudice ne dichiara con decreto la completa esecuzione.
Documentazione
Costituisce titoli idoneo alla cancellazione il decreto del tribunale in copia conforme rilasciata dalla Cancelleria del Tribunale.
La trascrizione della cancellazione è a titolo oneroso.