Vai direttamente ai contenuti
Provincia di Cosenza Regione Calabria

Home > Avvisi > Revisioni

Revisioni

Dove posso eseguire la revisione?

Gentile Signore, la revisione può essere effettuata presso gli Uffici Provinciali della Motorizzazione Civile oppure (ma solo per veicoli di massa inferiore od uguale a 3, 5 tonnellate) presso le officine autorizzate. L’elenco delle officine autorizzate alla revisione è consultabile sul sito www.ilportaledellautomobilista.it, selezionando in home page la voce "Cittadino" e poi "Ricerca delle officine autorizzate alla revisione”. Per ulteriori informazioni può rivolgersi, per ragioni di specifica competenza in materia di revisione dei veicoli, al locale Ufficio della Motorizzazione. Con i più cordiali saluti.

Vorrei effettuare la revisione presso la Motorizzazione Civile. Cosa devo fare?

Gentile Signore, le modalità da seguire, per sottoporre un veicolo a revisione Presso un Ufficio della Motorizzazione, sono descritte sul sito del Ministero dei Trasporti. (Quesito n. 2). Con i più cordiali saluti.

Con quale frequenza devo sottoporre la mia auto a revisione?

Gentile Signore, tutte le autovetture e gli autoveicoli di massa complessiva a pieno carico non superiore a 3,5 tonnellate devono essere sottoposti a revisione entro 4 anni dalla data di prima immatricolazione e successivamente ogni due anni, cioè un anno sì e un anno no (art. 80 del Codice della Strada). Così, ad esempio, un’auto immatricolata nel 2004 deve fare la prima revisione nel 2008 e le successive nel 2010, 2012 e così via. I riferimenti da considerare per la revisione delle autovetture sono i seguenti: la prima revisione va eseguita entro il mese corrispondente a quello di rilascio della carta di circolazione; le revisioni successive vanno eseguite entro il mese corrispondente a quello in cui è stata effettuata la revisione precedente. Per ulteriori informazioni può rivolgersi, per ragioni di specifica competenza in materia di revisione dei veicoli, al locale Ufficio della Motorizzazione. Con i più cordiali saluti.

Ho un ciclomotore: devo fare la revisione?

Gentile Signore, dal 2001 è stato introdotto l’obbligo della revisione anche per i ciclomotori. I ciclomotori devono essere sottoposti a revisione: per la prima volta nel quarto anno successivo a quello di rilascio del certificato di circolazione o del certificato di idoneità tecnica, entro il mese di rilascio dello stesso certificato; successivamente ogni due anni, entro il mese corrispondente a quello in cui è stata effettuata l’ultima revisione. Per ulteriori informazioni può rivolgersi, per ragioni di specifica competenza in materia di revisione dei veicoli, al locale Ufficio della Motorizzazione. Con i più cordiali saluti.

Le moto devono essere revisionate e, se sì, quando?

Gentile Signore, dal 2001 è stato introdotto l’obbligo di revisione anche per i motoveicoli. La prima revisione deve essere effettuata nel quarto anno successivo alla immatricolazione, entro il mese di rilascio della carta di circolazione, e successivamente ogni due anni, entro il mese corrispondente a quello in cui è stata effettuata l’ultima revisione. Per ulteriori informazioni può rivolgersi, per ragioni di specifica competenza in materia di revisione dei veicoli, al locale Ufficio della Motorizzazione. Con i più cordiali saluti.

Quali sono i veicoli che devono essere sottoposti a revisione ogni anno?

Gentile Signore, devono essere revisionati annualmente i seguenti veicoli: autocarri di massa complessiva superiore a 3,5 tonnellate rimorchi con massa complessiva superiore a 3,5 tonnellate taxi veicoli adibiti a noleggio con conducente autobus autoambulanze veicoli atipici. Per ulteriori informazioni può rivolgersi, per ragioni di specifica competenza in materia di revisione dei veicoli, al locale Ufficio della Motorizzazione. Con i più cordiali saluti.

Possiedo un’auto storica: quando devo sottoporla a revisione?

Gentile Signore, i veicoli di interesse storico e/o collezionistico - cioè tutti quelli iscritti in uno dei registri ASI, Storico Lancia, Italiano FIAT, Italiano Alfa Romeo, Storico FMI - sono considerati “veicoli atipici”per espressa previsione di legge (art. 60 comma 1 del Codice della Strada). Per questo motivo, poiché i veicoli atipici sono soggetti a revisione ogni anno, anche per i veicoli iscritti ad un registro che ne attesta il valore di storicità, la revisione deve essere eseguita annualmente. Per ulteriori informazioni può rivolgersi, per ragioni di specifica competenza in materia di revisione dei veicoli, al locale Ufficio della Motorizzazione. Con i più cordiali saluti.

Ho prenotato la revisione: posso nel frattempo circolare?

Gentile Signore, solo i veicoli soggetti a revisione annuale (cioè autocarri di massa complessiva superiore a 3,5 tonnellate, rimorchi con massa complessiva superiore a 3,5 tonnellate, taxi, veicoli adibiti a noleggio con conducente, autobus, autoambulanze, veicoli atipici) possono circolare anche dopo la scadenza del termine per la revisione, purché questa sia stata prenotata entro il termine stesso. Per gli altri veicoli, invece, la prenotazione per una data successiva alla scadenza autorizza la circolazione solo per il giorno in cui si deve effettuare la revisione (quindi al di fuori di tale giorno la circolazione è vietata e si applicano le stesse sanzioni previste per la mancata revisione). Con i più cordiali saluti.

Mi trovo all’estero con la mia auto e sta per scadere il termine per sottoporla a revisione. Come posso fare?

Gentile Signore, ci risulta che non è possibile eseguire la revisione di un veicolo con targa italiana all’estero: non è una modalità prevista dal Ministero dei Trasporti e quindi se la revisione fosse eseguita non avrebbe comunque validità in Italia. La soluzione potrebbe essere quella di fare la revisione non appena il veicolo rientrerà in territorio italiano, rivolgendosi all’officina più vicina (può trovare l’elenco delle officine autorizzate alla revisione sul sito www.ilportaledellautomobilista.it , selezionando in home page la voce "Cittadino" e poi "Ricerca delle officine autorizzate alla revisione”). Ci spiace ma non siamo in grado di indicarLe altre eventuali soluzioni, perché la competenza in materia di revisione dei veicoli è del Ministero dei Trasporti. Per questo, se desidera ulteriori indicazioni, è opportuno che Lei contatti direttamente l’Ufficio Relazioni con il Pubblico del Ministero all’indirizzo e-mail urp@infrastrutturetrasporti.it (tel. 06/41582143 - 41582144 - fax 06/41582145 - indirizzo Via Giuseppe Caraci, 36 00157 Roma). Con i più cordiali saluti.

Quando deve essere sottoposta alla prima revisione un’auto con targa italiana ma precedentemente immatricolata all’estero?

Gentile Signore, tutte le autovetture e gli autoveicoli di massa complessiva a pieno carico non superiore a 3,5 tonnellate devono essere sottoposti a revisione entro 4 anni dalla data di prima immatricolazione e successivamente ogni due anni, cioè un anno sì e un anno no (art. 80 del Codice della Strada). Se la prima immatricolazione del veicolo è avvenuta all’estero, deve essere preso in considerazione per la prima revisione l’anno in cui il mezzo è stato immatricolato per la prima volta nel paese straniero (e non l’anno della reimmatricolazione in Italia). Così ad esempio, un’auto immatricolata in un paese estero nel 2003 (e poi reimmatricolata in Italia nel 2004) deve fare la prima revisione nel 2007. Per ulteriori informazioni può rivolgersi, per ragioni di specifica competenza in materia di revisione dei veicoli, al locale Ufficio della Motorizzazione. Con i più cordiali saluti.

Cosa viene controllato in sede di revisione del veicolo?

Gentile Signore, secondo l’art. 79 del Codice della Strada, i veicoli, durante la circolazione, devono essere tenuti in condizioni di massima efficienza, in modo da garantire la sicurezza e contenere il rumore e l’inquinamento. La revisione quindi comporta un controllo su freni, ruote, pneumatici, sterzo, sospensioni, trasmissione, luci, segnalatore acustico, tergicristalli, telaio, cinture di sicurezza, triangolo, nonché una verifica sul rispetto dei limiti di emissione sia per gli inquinanti che per il rumore. Va ricordato che con circolare del 22 giugno 2000 la Motorizzazione ha affermato l’obbligo di installare le cinture di sicurezza anteriori e posteriori per tutte le autovetture immatricolate dopo il 15 giugno 1976 (se sono presenti gli attacchi delle cinture, anche se ricoperti da elementi interni della carrozzeria). Per ulteriori informazioni può rivolgersi, per ragioni di specifica competenza in materia di revisione dei veicoli, al locale Ufficio della Motorizzazione. Con i più cordiali saluti.

Quali sono le sanzioni previste per mancata revisione di un veicolo?

Gentile Signore, in base all’art. 80 del Codice della Strada, chi circola con un veicolo che non è stato sottoposto a revisione è punito con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da 148 a 594 euro. La carta di circolazione viene ritirata ed è spedita all’Ufficio Provinciale della Motorizzazione del luogo in cui è stata accertata la violazione, per essere poi restituita dopo il superamento positivo della revisione. Con i più cordiali saluti. .