Vai direttamente ai contenuti
Logo Provincia di Firenze Logo Regione Toscana

Home > Trasferimento di proprietÓ per successione ereditaria

Trasferimento di proprietÓ per successione ereditaria

Per verificare il tipo di Certificato di proprietÓ, se cartaceo o digitale e per verificare se sul veicolo ci sono vincoli o gravami, puoi consultare il sito www.aci.it oppure cliccare qui.

Per le informazioni di dettaglio sul tipo di vincolo/gravame, Ŕ necessario richiedere una visura o una certificazione cliccare qui per visura PRA.


Per presentare questa pratica allo sportello del PRA Ŕ necessario prenotare un appuntamento.

E’ possibile prenotare un appuntamento sul sito www.aci.it oppure dalla home page del sito di questa Direzione Territoriale ACI nella sezione In sede - Prenotazione Servizi PRA oppure cliccando qui.


In caso di decesso dell’intestatario al PRA, gli eredi devono trasferire la proprietÓ del veicolo a proprio nome.

Non Ŕ necessario richiedere al PRA il trasferimento di proprietÓ se gli eredi decidono di radiare il veicolo per demolizione, cioŔ consegnano il veicolo a un demolitore autorizzato oppure per esportazione, cioŔ il veicolo viene portato definitivamente all’estero.


- Se gli eredi presentano un unico trasferimento di proprietÓ per successione ereditaria a favore di tutti gli eredi, il PRA rilascia il Documento Unico di circolazione.


- Se ci sono pi¨ eredi e non tutti desiderano intestarsi il veicolo Ŕ necessario effettuare due trasferimenti di proprietÓ, il primo trasferimento di proprietÓ per successione ereditaria a favore di tutti gli eredi e il secondo trasferimento di proprietÓ per vendita a favore dell’erede che vuole intestarsi il veicolo.

- Se gli eredi decidono di vendere il veicolo a un terzo acquirente Ŕ necessario effettuare due trasferimenti di proprietÓ, il primo per successione ereditaria a favore di tutti gli eredi e il secondo trasferimento di proprietÓ per vendita a favore dell’acquirente.

E’ possibile fare un unico atto di accettazione di ereditÓ e contestuale vendita, ma si devono pagare gli importi previsti per legge per ciascun trasferimento di proprietÓ.

Se le pratiche sono presentate personalmente al PRA, occorre prenotare due appuntamenti, un trasferimento di proprietÓ per successione ereditaria e un trasferimento di proprietÓ per uso proprio o privato.

In caso di doppio trasferimento di proprietÓ per alcune tipologie di veicoli non Ŕ possibile per l’Ufficio PRA rilasciare il Documento Unico di circolazione e proprietÓ (DU) o attestazione provvisoria di circolazione, che deve essere richiesta dall’acquirente a uno Sportello Telematico dell’Automobilista presso le agenzie di pratiche auto o delegazioni Aci o Motorizzazione civile.


DOCUMENTAZIONE NECESSARIA

1. Certificato di proprietÓ cartaceo o digitale e Carta di circolazione oppure Documento Unico di circolazione e proprietÓ.

Il Certificato di ProprietÓ Digitale Ŕ stato emesso per le pratiche automobilistiche presentate a partire dal 5 ottobre 2015 e risiede giÓ negli archivi PRA

2. Documento di identitÓ in corso di validitÓ e codice fiscale di ciascun erede (e dell’eventuale acquirente)

3. dichiarazione sostitutiva ereditÓ

4. Atto di accettazione di ereditÓ in bollo da € 16 con firma autenticata di tutti gli eredi maggiorenni e capaci di agire o eventuale amministratore di sostegno.

- Sono titolo per la trascrizione anche la copia conforme all’originale in bollo dell’atto pubblico o della sentenza che trasferiscono la proprietÓ agli eredi.


DOVE AUTENTICARE LA FIRMA DEGLI EREDI

Autenticare una firma vuol dire che il pubblico ufficiale deve verificare l’identitÓ della persona che firma e dichiarare che la firma Ŕ stata fatta in sua presenza.

Sono autorizzati ad autenticare la firma i notai, gli Uffici Comunali, il PRA, la Motorizzazione Civile e i titolari degli sportelli telematici dell’automobilista presso le agenzie di pratiche auto comprese le delegazioni ACI.

- Se l’autentica di firma non Ŕ fatta al PRA, ma presso gli altri soggetti autorizzati, il trasferimento di proprietÓ deve essere presentato al PRA entro 60 giorni dalla data dell’autentica.

In caso di pi¨ eredi, le autentiche di firma sul medesimo atto possono essere fatte in momenti diversi e davanti a pubblici ufficiali diversi. L’atto deve essere presentato al PRA per il trasferimento di proprietÓ solo quando sono state autenticate tutte le firme sul medesimo atto. E’ dall’ultima autentica di firma che decorrono i 60 giorni per la trascrizione.

- Fac simile atto di accettazione ereditÓ

- Fac simile atto di accettazione ereditÓ con contestuale dichiarazione di vendita

- Fac simile atto di accettazione ereditÓ con rinuncia di alcuni chiamati all’ereditÓ

La presente modulistica Ŕ da utilizzare solo nel caso in cui gli eredi non facciano autenticare la propria firma al PRA.


AUTENTICA DI FIRMA DEGLI EREDI FATTA AL PRA

- Se l’autentica della firma degli eredi Ŕ fatta al PRA Ŕ obbligatorio presentare contestualmente la pratica del trasferimento di proprietÓ.

Devono essere presenti tutti gli eredi maggiorenni e l’eventuale amministratore di sostegno muniti del proprio documento di identitÓ in corso di validitÓ.

Non occorre precompilare nessuna modulistica, perchÚ sarÓ predisposto un atto digitale direttamente allo sportello PRA.

Non occorre acquistare la marca da bollo, perchÚ l’imposta Ŕ assolta in modo virtuale e si paga direttamente al PRA insieme al costo del trasferimento di proprietÓ.


MODULISTICA NECESSARIA

1. In caso di unico erede oppure in caso di veicolo che resta in comproprietÓ di tutti gli eredi: Istanza Unificata.

Se la pratica Ŕ presentata personalmente dall’erede allo sportello del PRA non deve stampare e precompilare il modello, perchÚ verrÓ predisposta un’istanza digitale.

2. Se ci sono pi¨ eredi comproprietari, il primo compila l’Istanza come dichiarante, gli altri compilano e firmano la delega a favore dell’erede dichiarante


3. Se gli eredi hanno giÓ fatto autenticare la propria firma sull’atto di accettazione di ereditÓ presso gli altri soggetti autorizzati, non Ŕ necessario che si presentino personalmente al PRA per il trasferimento di proprietÓ, ma possono delegare un incaricato di fiducia a presentare tutta la documentazione necessaria.

In questo caso, il delegato dovrÓ presentarsi con Istanza Unificata compilata dall’erede dichiarante e dal delegato come presentatore + le deleghe di tutti gli eredi, presenti e assenti, il proprio documento di identitÓ in corso di validitÓ e codice fiscale e una fotocopia completa fronte e retro del documento di identitÓ in corso di validitÓ degli eredi deleganti.


QUANTO COSTA

Se l’erede e l’eventuale acquirente sono residenti a Firenze o in provincia di Firenze consulta la tabella:

costi del trasferimento di proprietÓ per successione ereditaria

E’ consentito esclusivamente il pagamento con moneta elettronica (solo pagobancomat, no carte di credito).

Le pratiche automobilistiche possono essere svolte curando personalmente tutti gli adempimenti necessari o rivolgendosi alle Agenzie di pratiche auto o Delegazioni ACI. In questo caso vanno previsti costi ulteriori (variabili in regime di libero mercato) per il servizio di intermediazione fornito.


ULTERIORE DOCUMENTAZIONE NECESSARIA IN CASI PARTICOLARI

- Se fra gli eredi ci sono minorenni

Alla documentazione necessaria occorre aggiungere:

1. copia conforme in bollo dell’atto di accettazione di ereditÓ con beneficio di inventario rilasciata dal notaio o dalla Cancelleria del Tribunale presso cui Ŕ depositato l’atto

2. copia conforme dell’autorizzazione del Giudice Tutelare ad accettare l’ereditÓ (ed eventualmente a vendere il veicolo)

3. codice fiscale e documento di identitÓ in corso di validitÓ del genitore esercente la responsabilitÓ genitoriale che firma l’istanza unificata

- Con l’autorizzazione del giudice Ŕ possibile intestare il veicolo solo al genitore ma devono ugualmente essere presentati due trasferimenti di proprietÓ. Il primo per successione ereditaria a favore di tutti gli eredi (compreso il minore) il secondo a favore del genitore (principio della continuitÓ della trascrizione).
- Se il giudice autorizza il genitore a vendere il veicolo Ŕ necessario trascrivere due trasferimenti di proprietÓ, il primo a favore di tutti gli eredi, minore compreso, il secondo a favore dell’acquirente.

Se il minorenne Ŕ unico erede non Ŕ possibile emettere un Documento Unico di circolazione.

- Se fra gli eredi ci sono altri incapaci di agire (interdetti e inabilitati)

Alla documentazione necessaria occorre aggiungere:

1. copia conforme in bollo dell’atto di accettazione di ereditÓ con beneficio di inventario rilasciata dal notaio o dalla Cancelleria del Tribunale presso cui Ŕ depositato l’atto

2. copia conforme dell’autorizzazione del Giudice Tutelare ad accettare l’ereditÓ (ed eventualmente a vendere il veicolo)

3. copia conforme della nomina del tutore, codice fiscale e documento di identitÓ in corso di validitÓ del tutore.

Se l’incapace di agire Ŕ unico erede non Ŕ possibile emettere un Documento Unico di circolazione.

Sia in presenza di unico erede minorenne che in presenza di unico erede incapace di agire Ŕ sempre necessario rivolgersi anche alla Motorizzazione Civile per ottenere l’aggiornamento dell’Archivio nazionale dei veicoli e il rilascio del Documento unico entro 60 giorni dalla data dell’atto.

- In tutti i casi di accettazione di ereditÓ con beneficio di inventario diversi dal precedente

Alla documentazione necessaria occorre aggiungere la copia conforme in bollo dell’atto di accettazione di ereditÓ con beneficio di inventario rilasciata dal notaio presso cui Ŕ depositato l’atto.

- Sono obbligati ad accettare con beneficio di inventario le persone giuridiche (escluse le societÓ), le associazioni, le fondazioni e gli enti non riconosciuti ai quali sia stata devoluta l’ereditÓ.

- Erede con amministratore di sostegno

Alla documentazione necessaria occorre aggiungere:

1. copia conforme del decreto di nomina ad amministratore di sostegno e l’eventuale copia conforme dell’autorizzazione del giudice ad accettare l’ereditÓ e/o a vendere, se prevista nel decreto di nomina

2. documento di identitÓ in corso di validitÓ e codice fiscale dell’amministratore di sostegno.

- In presenza di testamento

Alla documentazione necessaria occorre aggiungere la copia conforme del testamento in bollo o l’estratto autentico del testamento in bollo rilasciati dal notaio presso cui Ŕ depositato l’atto.

L’erede deve comunque fare l’atto di accettazione di ereditÓ del veicolo, in bollo. La dichiarazione espressa di accettazione di ereditÓ in bollo pu˛ essere contenuta anche nel verbale di pubblicazione del testamento olografo.

In caso di testamento con un legato per un veicolo

Il legatario non deve fare l’atto di accettazione di ereditÓ autenticato.

Alla documentazione del veicolo occorre aggiungere:

1. copia conforme in bollo del testamento o l’estratto del testamento in bollo rilasciati dal notaio presso cui Ŕ depositato l’atto.

2. documento di identitÓ in corso di validitÓ e codice fiscale del legatario.


- In caso di rinuncia all’ereditÓ di uno o pi¨ eredi

Non Ŕ possibile rinunciare all’ereditÓ di un singolo bene e accettare il resto dell’ereditÓ. Se uno o pi¨ chiamati all’ereditÓ rinunciano all’intera ereditÓ, Ŕ possibile annotare la sola accettazione di ereditÓ degli altri eredi.

Alla documentazione necessaria occorre aggiungere la copia conforme in bollo dell’atto di rinuncia all’ereditÓ rilasciata dalla Cancelleria del Tribunale presso cui Ŕ depositato l’atto oppure dichiarazione sostitutiva

- Se fra gli eredi/acquirenti ci sono cittadini extracomunitari

Alla documentazione necessaria occorre aggiungere la carta di identitÓ italiana o patente di guida italiana e il permesso di soggiorno in corso di validitÓ e una fotocopia completa del documento di identitÓ e del permesso di soggiorno. Se il permesso di soggiorno Ŕ scaduto occorre una fotocopia del permesso di soggiorno scaduto e della della richiesta del rinnovo. Sono equiparati ai cittadini dell’Unione Europea i cittadini Svizzeri e i cittadini degli stati appartenenti allo Spazio Economico Europeo – SEE (Norvegia, Islanda, Liechtenstein).


- Se acquista un cittadino italiano iscritto all’AIRE

Alla documentazione necessaria occorre aggiungere dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietÓ in cui deve dichiarare: la propria residenza e l’indirizzo esteri, di essere iscritto AIRE nel Comune di_____ , di aver eletto domicilio in Italia in via ____. (art. 134 codice della strada) compilata e firmata dal cittadino italiano iscritto AIRE, con documento di identitÓ in corso di validitÓ.

In questo caso il PRA, per le pratiche per cui Ŕ possibile emettere il documento unico di circolazione, aggiorna entrambi gli archivi, PRA e Motorizzazione. Per i veicoli e le pratiche per cui non Ŕ possibile emettere un documento unico di circolazione, aggiorna il proprio archivio e rilascia il Certificato di ProprietÓ Digitale ed Ŕ sempre necessario rivolgersi anche alla Motorizzazione Civile per l’aggiornamento della carta di circolazione entro 60 giorni dalla data dell’atto.

- Se l’erede Ŕ un disabile

Sono previste agevolazioni in favore dei cittadini disabili e dei familiari che hanno il disabile fiscalmente a carico. Per saperne di pi¨ consulta la sezione mobilitÓ e disabili.


ATTENZIONE

Alcune casistiche di trasferimento di proprietÓ per successione ereditaria non sono gestite con i nuovi processi digitali che emettono il Documento Unico di Circolazione e di ProprietÓ:

- veicoli che necessitano di particolari titoli autorizzativi oppure di collaudo o certificato di approvazione (es. taxi, autocarro per trasporto merci per conto proprio o conto terzi, veicoli per uso noleggio con conducente, ecc.),

- veicoli ereditati o acquistati da cittadino italiano iscritto A.I.R.E. o minorenne o incapace di agire ecc. (vedi casistiche particolari)
- Il veicolo possiede Foglio complementare

- La mancata richiesta di aggiornamento del CDPD e della carta di circolazione determina l’applicazione, in caso di controllo su strada, di sanzioni monetarie oltre al ritiro della carta di circolazione ai sensi dell’art. 94 del Codice della Strada.


Data ultimo aggiornamento di questo articolo: 15/10/2021


torna alla Guida alle Pratiche