Provincia di Isernia Regione Molise

Home > bacheca >  F@CILE CAF

F@CILE CAF

Piattaforma F@ACILE CAF

L’Unita’ Territoriale ACI di Isernia e’ fra le 12 strutture territoriali della Federazione ACI che parteciperanno alla fase di sperimentazione della Piattaforma F@CILE CAF del Dipartimento della Funzione Pubblica.

Il Common Assessment Framework (Quadro di riferimento Comune per l’Autovalutazione) è un modello di autovalutazione promosso e approvato nell’ambito delle attività di cooperazione dei Ministri della Funzione Pubblica dell’Unione Europea, con la collaborazione dell’EFQM (European Foundation for Quality Management), della Speyer School (Scuola di Scienze dell’Amministrazione tedesca) e dell’EIPA (Istituto Europeo per le Pubbliche Amministrazioni) al fine di assistere le organizzazioni del settore pubblico europee nell’utilizzo di tecniche di Quality Management. Il modello CAF propone un’analisi di ciò che l’organizzazione fa e di cosa l’organizzazione ottiene in termini di risultati rispetto ai cittadini/clienti e, in generale, alle diverse categorie di portatori di interesse. Diversi i benefici che l’Unità Territoriale intende perseguire aderendo per la seconda volta all’iniziativa:
- introdurre nell’Unità Territoriale i principi di Total Quality Management. L’uso del modello CAF favorisce l’acquisizione di una cultura fondata sui principi dell’eccellenza della performance, secondo standard validi in altre PA degli Stati dell’Unione Europea;
- rinnovare l’entusiasmo e l’impegno delle risorse impegnate nei processi di servizio della Struttura. Il processo di autovalutazione secondo il modello CAF spinge, infatti, le organizzazioni a coinvolgere le predette risorse secondo logiche di empowerment;
- misurare e valutare la performance dell’Unità Territoriale con la finalità di capire dove migliorarla. L’utilizzo del modello CAF è volto alla rilevazione dei livelli di efficacia, efficienza ed economicità dell’organizzazione secondo logiche di spending review;
- valorizzare le buone prassi dell’Unità Territoriale favorendone la sistematizzazione e la diffusione nel territorio di riferimento.

PDF - 95.5 Kb