Provincia di Pescara Regione Abruzzo

Home > FAQ > Fermo amministrativo > Iscrizione del Fermo Amministrativo

Iscrizione del Fermo Amministrativo

Il fermo amministrativo pu˛ essere predisposto ed iscritto dai concessionari della riscossione a seguito del mancato pagamento di cartelle esattoriali. L’iscrizione del fermo comporta l’impossibilitÓ di utilizzo del mezzo e l’impossibilitÓ di demolire lo stesso. Tuttavia Ŕ possibile vendere il mezzo anche successivamente all’iscrizione del gravame, fermo restando l’impossibilitÓ relativa circolazione ed alla demolizione del veicolo. Inoltre, se il debitore non paga, il concessionario della riscossione potrÓ agire forzatamente per la vendita del bene.

Per quanto riguarda invece i provvedimenti relativi alla cancellazione del fermo, bisogna fare un distinguo: I provvedimenti di cancellazione emessi a partire dal 1░ gennaio 2020, sono notificati in via telematica dal Concessionario della Riscossione al Sistema Informativo del PRA e cancellati automaticamente senza incombenze ulteriori per il debitore.

Invece per i provvedimenti di revoca emessi in data anteriore al 1░ gennaio 2020 rimangono in vigore le disposizioni previste dalla vecchia normativa, ovvero Ŕ previsto il pagamento di 32 euro di imposta di bollo per la nota di richiesta. La cancellazione del fermo, non richiede la presentazione del CdP/CDPD e non dÓ luogo all’emissione di un nuovo Certificato di ProprietÓ Digitale (CDPD) aggiornato. Qualora si voglia ottenere un nuovo CDPD, senza l’annotazione del vincolo, Ŕ necessario chiedere un duplicato del Certificato di ProprietÓ.